Approfondimenti

Cos’è e come agisce il botulino

By 30 Maggio 2017 No Comments
tossina botulinica botulino che cos'è e come funziona

Si parla tanto e sempre di più di Botox, uno dei trattamenti estetici più gettonati, che promette di agire su uno dei più grandi crucci delle donne: le rughe! Questo topic della bellezza comincia a far vedere i suoi effetti dopo 3/5 giorni e i suoi risultati durano per 4/5 mesi. Nonostante il fatto che debba – quindi – essere ripetuto almeno due volte l’anno per avere un effetto continuativo, le donne che ricorrono alla famosa “punturina” sono moltissime. Ma forse sono in poche a sapere cosa accade concretamente quando avviene l’iniezione e, soprattutto, cosa si intende quando si parla di botulino o ancor meglio di tossina botulinica.

Scientificamente parlando, la tossina botulinica è una proteina neurotossica di origine batterica, che iniettata nei muscoli blocca la produzione di acetilcolina – una sostanza che trasmette l’impulso nervoso ai muscoli. Per questo, a contatto con i muscoli del volto, ne riduce drasticamente l’attività di contrazione, provocando una piccola paralisi muscolare: si parla in questo caso di inibizione temporanea della contrazione muscolare.

Di questa neurotossina ne esistono ben sette tipi (A, B, C1, D, E, F e G), tutti derivati da ceppi del batterio Clostridium Botulinum e altamente selezionati in laboratorio. Quelli utilizzabili nell’uomo e presenti attualmente in commercio sono il tipo A e il tipo B. Nello specifico dell’ambito estetico, viene utilizzata la tossina botulinica nella forma purificata di tipo A e viene somministrata nel trattamento di rughe d’espressione della fronte, intercigliari, intorno alla bocca e quelle tra le sopracciglia.

Nonostante questo trattamento estetico sia ampiamente utilizzato, le domande che vi ruotano attorno continuano a essere molte. Oltre agli elevati costi, ulteriormente aggravati dal fatto di doverlo ripetere con frequenza, infatti, ci sono ancora numerosi dubbi a livello scientifico su quanto sia effettivamente pericoloso il botulino. Ad esempio, alcuni studi recenti hanno indicato come questa tossina sia in grado di agire anche a distanza dalla zona dove viene somministrata. Questo significa che potrebbe raggiungere muscoli e siti vicini – facendo leva sul gradiente di concentrazione – e arrivare in poche parole anche laddove sarebbe meglio non arrivasse.

Considerati questi rischi, il costo ingente e la necessità di ripeterlo con frequenza, sono molte oggi le alternative in commercio che possono essere prese in considerazione. È con l’intento di rimediare alle “mancanze” di questo trattamento che sono, infatti, nate le cosiddette creme botox-like. Mimano l’effetto del botulino pur non dovendo avvalersi dell’ausilio di alcun ago. Creano un’azione miorilassante sui muscoli con i quali vengono a contatto, distendendo e liftando – senza il fastidio di dover iniettare nessuna sostanza. E non solo: a giovarne è anche il portafoglio!

E voi? Che ne pensate del botox? Avete mai preso in considerazione l’idea di farlo? Cosa vi spaventa di questo trattamento? Lasciateci i vostri commenti qui sotto!

Scopri le linee

Scopri le 9 dimensioni Collagenil, 9 soluzioni dermocosmetiche,
specifiche per ogni necessità della pelle.
Scopri le linee

Leave a Reply